Your browser does not support SVG
La prima risorsa online a 360° per il turismo nel Cilento

Acquavella


Acquavella sorge a poca distanza dai ruderi dell’antica città di Velia, nel Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. La forma del paese è molto simile un’enorme rondine che riposa da secoli e secoli su un vasto ripiano collinare; rimanendogli aperto verso sud un bel largo orizzontale, lo sguardo può spaziarsi sulle pendici orientali del monte Stella e sul lungo tratto di mare sottostante dalla punta di Palinuro fino alla rada di Acciaroli. Le bellezze naturalistiche del luogo e la varietà del paesaggio fanno della località una interessante meta di escursioni. L’habitat è unico: gli abbondanti oliveti, i fertili vigneti, le annose querce ed altri alberi svariati che lo circondano, ne rendono fertile il terreno, dolce il clima e sanissima l’aria. Il terreno circostante dà moltissimi prodotti, di cui principali sono olio finissimo e dolce, fichi, ottimi vini, grano ed altre specie di cereali e legumi. Il turismo, l’agricoltura e l’artigiano le principali fonti di reddito della zona, dove è fiorente anche la produzione di prodotti tipici.

 

Vi risiedono circa 650 abitanti ma nelle festività e nel periodo estivo il paese si ripopola, molte sono le persone che per motivi di lavoro hanno dovuto lasciare il luogo che li ha visti nascere, però colgono ogni occasione per ritornare.palazzo

 

Non si hanno fonti certe e sicure sull’epoca precisa della sua origine; però una seria considerazione del suo nome, l’aspetto dell’abitato, gli antichi palazzi ducali e i vecchi ruderi ci richiamano il pensiero ai tempi del medioevo, e forse ancor più in là.

 

Una piazza ampia, di forma rettangolare nominata Sant’Antonio e il Monumento a ricordo dei caduti in guerra aprono le porte del paese che è diviso in due dalla strada provinciale, questa divisione naturale ha portato gli stessi abitanti a dividere il Paese in Capo Casale (la parte alta) e Pere Casale (la parte bassa). Capo Casale inizia dalla Chiesa di San Michele Arcangelo e proseguendo per i gradini di via Francesco Cammarota si arriva a un piccola piazzetta, la Chiazzoledda, che è posta ai piedi del palazzo nobiliare della famiglia Severini e da quest’ultimo si può raggiungere la torre ducale appartenuta ai Sanfelice; procedendo per la salita si arriva alla parte alta del paese da dove è possibile ammirare un paesaggio mozzafiato che inserisce Acquavella in una cornice tra collina e mare. Pere Casale invece parte dalla diramazione della strada principale all’inizio del paese che porta ad un’altra piazza nominata Europa, che conduce verso le svariate vie di campagna e le antiche abitazioni incluso Palazzo Severini e Palazzo Musto.

 

 

Attraversando a piedi i numerosi vicoli antichi si può notare come molte cose non siano state intaccate dal trascorrere del tempo anzi sembra che tutto sia rimasto impresso tra quelle mura e su quelle vie ed è qui che, spesso, per rivivere un po’ di storia, si preparano, durante i periodi festivi, delle manifestazioni culturali che animano la curiosità di molti. Insomma questo paradiso è una piccola fetta del meraviglioso Cilento un luogo pieno di miti, leggende e storie da assaporare e scoprire giorno per giorno.

Dove alloggiare in zona
vacanze cilento
San Giorgio Agriturismo

Casal Velino

Località in Collina

Da € 30,00
B&B / a pers.


vacanze cilento
Agriturismo I Fornari

Stella Cilento

Località in Collina

Da € nd.


vacanze cilento
Locanda Le Tre Sorelle

Casal Velino

Località in Collina

Da € nd.


vacanze cilento
Il Vecchio Frantoio Bed&Breakfast

Stella Cilento

Località in Collina

Da € 30,00
B&B


Dove mangiare in zona
Locanda Le Tre Sorelle

Casal Velino

Ristorante  •  Location Cerimonie


Il Vecchio Frantoio Ristorante

Stella Cilento

Ristorante  •  Agriturismo Km0  •  Location Cerimonie


Agriturismo Zio Cristoforo

Casal Velino

Ristorante  •  Agriturismo Km0  •  Wine bar  •  Trattoria / Osteria


Cerca ristoranti, lidi, locali nel Cilento