Your browser does not support SVG
La prima risorsa online a 360° per il turismo nel Cilento

Stio


Sorto intorno al decimo secolo, il primo nucleo abitativo si formò intorno alla cappella di Santa Maria della Croce. Stio si distingue anche per le produzioni artigianali. Tra queste, da ammirare, è la lavorazione di legni per la realizzazione di pregiati strumenti musicali.

 

Il centro storico si caratterizza per la presenza di antichi portali in pietra, vicoli, cortili e archi. E' possibile visitare la Chiesa dei SS. Pietro e Paolo che custodisce una statua raffigurante San Pasquale, dello scultore napoletano Domenico Di Venuta.

 

 

CHIESA SAN PASQUALE
Correva l'anno 1726 quando venne introdotto il culto per S. Pasquale a cui fu dedicato, nell'antica chiesa di S. Pietro e Paolo, un altare con quadro del santo. Eventi prodigiosi accaduti negli anni seguenti fecero maturare la decisione di adottare S. Pasquale come protettore del paese; si decise di dotare la chiesa di una statua lignea e l'incarico fu affidato allo scultore napoletano Domenico Di Venuta. Fino al 1930 si è conservata un'usanza antica tipica del mondo rurale contadino; al parroco si offriva una quantità di grano pari al peso del piú piccolo dei bimbi che vestivano l'abito francescano, e ancora più particolare era il modo della pesata: si usava un'asta a bilanciere con il bimbo da una parte mentre il grano si depositava dall'altra fino all'equilibrio.

 

 

 

LA VALLE DEI MULINI
A circa 2 km dal centro del paese, attraverso una vegetazione folta e sentieri sterrati, si giunge alla "Valle dei Mulini": qui, lungo un caratteristico fiume, è possibile ammirare i ruderi (alcuni risalenti al 1300) di cinque mulini ad acqua. Il fiume, in alcune zone, forma delle conche simili a fredde piscine naturali: tra queste, davvero particolare è il cosiddetto "Puzzo re Rafaili", a valle di un paesaggio naturale e selvaggio caratterizzato da scale in legno e tavoli con sedie di pietra. 

 

 

 

I CICCIMARETATI e LA CASTAGNA
Numerosi sono gli eventi organizzati nel Comune di Stio che sono protagonisti nel panorama delle manifestazioni gastronomiche organizzate nel Cilento e nella provincia di Salerno. Prima su tutte la sagra dei "Ciccimaretati" che si svolge ogni anno nel Comune di Stio. Un evento che attira ogni anno numerosi visitatori che desiderano scoprire gli aspetti più semplici e genuini del Cilento. I "Ciccimaretati" sono una squisita zuppa di legumi nata in tempi in cui i contadini, cui spettavano scarse quote del prodotto agricolo, soprattutto in tempi di magra, "sposavano nel tiano" le rimanenze di tutti i legumi rimasti in casa.

 

C'è poi la Festa della castagna di Stio, che celebra la bontà del prodotto tipico collinare. Per l'occasione, i turisti che scelgono l'entroterra cilentano, possono degustare originali piatti a base di castagne: pietanze, dolci, creme e quant'altro.

 

Nel periodo invernale, nel piccolo borgo del Cilento, si svolge anche un altro originale evento, la Festa del Fagiolo Regina di Stio, nata con lo scopo di far conoscere le caratteristiche organolettiche di uno dei prodotti più importanti dell'agricoltura cilentana.

 

Da non perdere:

• La sagra dei "Ciccimaretati", in agosto, una delle feste culinarie del Cilento più rinomate e apprezzate.

Dove alloggiare in zona
vacanze cilento
Oasi della pace

Gioi

Località in Collina

Da € 32,00


vacanze cilento
Delizie tra i campanili

Gioi

Entro 30 min. dal mare

Da € nd.


vacanze cilento
B&B La Casa di Lidia

Gioi - Cardile

Entro 30 min. dal mare

Da € nd.


vacanze cilento
Agriturismo La fontana dei monaci

Orria

Località in Collina

Da € 25,00
B&B / a pers.


Dove mangiare in zona
Oasi della pace

Gioi

Ristorante  •  Pizzeria  •  Location Cerimonie


La Fontana dei Monaci

Orria

Ristorante  •  Agriturismo Km0


DRAFT Beer and food

Vallo della Lucania

Pub / Birreria


Cerca ristoranti, lidi, locali nel Cilento