Your browser does not support SVG
La prima risorsa online a 360° per il turismo nel Cilento

Nel Cilento con ciaspole e sci: il Monte Cervati e la Festa della Neve

Periodo consigliato: Da Dicembre a Marzo. Festa a Febbraio.

Se dici Cilento, immagini mare cristallino, coste rocciose, deliziosi borghi interni o la natura a tratti incontaminata del Parco. E magari non pensi alla neve e alle possibilità di un turismo tipicamente alpino. Ma d'inverno il Cilento inaspettatamente offre anche questa opportunità. Grazie al Monte Cervati, nei mesi freddi, quasi costantemente innevato e ai percorsi praticabili con le dovute attrezzature e precauzioni lungo le ascese e i pianori di questo esteso massiccio montuoso.

 

Nei territori dei comuni di Sanza o Piaggine (con partenze anche da Valle dell'Angelo e Rofrano), in particolare, munendosi di ciaspole e sci da fondo, è possibile vivere questo territorio anche da questo punto di vista: percorrendolo lungo i sentieri del trekking sulle coltri bianche. E se si parla di neve da godere nel Cilento, il concetto si traduce soprattutto nella Festa della Neve. La manifestazione, organizzata dall'Associazione "Confusi ma Felici" col comune di Piaggine, che si sviluppa sul Monte Cervati, nel corso di tutti i weekend dei mesi di febbraio e marzo.

 

Giunto quest'anno all'undicesima edizione, l'evento offre a tutti gli appassionati della neve diverse possibilità. Passeggiate con sci da fondo e ciaspole e, accompagnati da guide Aigae, escursioni in motoslitta. Abbinando anche, volendo, il gusto di un pranzetto ad alta quota, presso il Rifugio del Monte Cervati, situato a circa 1700 metri di altitudine. Rifugio che è il punto di arrivo degli spostamenti in motoslitta come pure delle passeggiate con sci da fondo o ciaspole. Che hanno peraltro come itinerario anche la cosiddetta "Pista del Lupo" o quella verso il "Piano degli Zingari".

 

E sempre l'area del Monte Cervati è il teatro di un'altra possibile escursione da portare avanti con ciaspole o sci. Quella lungo la Valle dei Gigantini, una valle carsica alle pendici del Monte Cima di Mercori. Con una partenza dai 1300 metri della Valle di Campolongo per arrivare, attraversando una sontuosa faggeta, ai 1600 metri della Valle dei Gigantini, nei cui blocchi calcarei si possono cogliere antichissime testimonianze fossili.

 

 

Informazioni
Comune Piaggine: 339.4866170
Pro Loco "Cervati": 388.4745405
Associazione "Confusimafelici": 339.2823021

 

 

 

Testo coperto da diritti d'autore: © ArtProject.it
Vietato l'utilizzo anche parziale.